CERCARE I TARTUFI: I DATI METEO

Andare per boschi in serenità accompagnanti dal proprio cane è meraviglioso, volentieri approfittiamo delle belle giornate si sole per prenderci un giorno di riposo (si fa per dire) e partire in cerca di tartufi.

 

I tartufi, in certi periodi dell’anno amano le precipitazioni, in questi periodi si vanno a formare i corpi fruttiferi.

Le piogge che si susseguono durante i 3\4 mesi prima dalla data in cui, per legge si apre la stagione di raccolta, sono fondamentali per lo sviluppo dei carpofori, in questo lasso di tempo il tubero si sviluppa, passando dalla fase simbionte a quella saprofitica.

 

L’importanza di sapere quanto - quando e dove si sono verificati gli eventi atmosferici ci dà la possibilità di indirizzare le future uscite in cerca del tartufo.

 

Per agevolare questo lavoro è consigliabile creare un registro sul PC dove si andranno ad immettere i dati piu’riguardanti i millimetri (mm) caduti nel periodo in esame e il numero giorni di pioggia.

 

Lo scopo è creare un registro che si sviluppi negli anni a venire, al primo anno di monitoraggio questi dati possono sembrare inutili, l’importante è perseverare e tutto acquisterà un senso.

 

Alla fine del secondo anno di monitoraggio, avremo la possibilità di iniziare a fare dei ragionamenti, mettendo in relazione i dati in nostro possesso con i ritrovamenti dei tartufi fatti durante la stagione di raccolta, ci renderemo conto che esiste una relazione tra la quantità (mm) di pioggia caduta e i giorni interessati dalle precipitazioni.

 

Analizziamo una tabella d’esempio con dati di primo livello:

Monitoraggio di due zone a vocazione Tuber magnatum, la zona “A” comprende solo una stazione, quella “B” due.

Le zone sono state battute nella stagione di raccolta 6 volte, in ogni occasione è stato eseguito il monitoraggio di tutte le 3 zone.

A fine stagione la zona piu’produttiva si è dimostrata la “A”.

 

Esaminando i dati sì possono notare che le zone “B” hanno ricevuto una quantità (mm) d’acqua maggiore rispetto la zona “A”, con un numero inferiore di giorni di pioggia.

 

La zona “A” ha ricevuto minori precipitazioni, con un numero maggiore dei giorni di pioggia.

 

Questa analisi in sé può essere fuorviànte, solo un costante lavoro di monitoraggio ripetuto negli anni, da là possibilità di capire l’andamento della produzione nelle zone messe sotto esame.

 

Monitoraggio zona a vocazione Tuber Magnatum Pico

I nomi delle località sono puramente casuali.

 

 

Dati meteo

Precipitazioni

Giorni

Alta valle del “omissis”

PERIODO

DAL

AL

01/05/2009

31/8/2009

 

 

 

Zona “A”

Altitudine  slm 260

DATA

tot gg

Località 

Ponte vecchio

Zona “B”

Altitudine  slm302

DATA

tot gg

Località  

Santa Lucia

     

Zona “B”

Altitudine  slm550

DATA

tot gg

Località 

San Pietro

           

Data e Ora

 

 

 

02/05/2010 01:00  10.0 

03/05/2010 01:00  9.6 

04/05/2010 01:00  31.0 

05/05/2010 01:00  18.4 

07/05/2010 01:00  5.4 

10/05/2010 01:00  3.2 

11/05/2010 01:00  16.4 

12/05/2010 01:00  0.8 

13/05/2010 01:00  1.0 

15/05/2010 01:00  3.2 

27/05/2010 01:00  3.8 

29/05/2010 01:00  0.4 

09/06/2010 01:00  1.0 

15/06/2010 01:00  13.4 

16/06/2010 01:00  6.0 

17/06/2010 01:00  8.0 

19/06/2010 01:00  11.0 

20/06/2010 01:00  29.8 

21/06/2010 01:00  1.8 

05/07/2010 01:00  3.6 

06/07/2010 01:00  0.8 

23/07/2010 01:00  0.4 

24/07/2010 01:00  4.8 

27/07/2010 01:00  1.4 

29/07/2010 01:00  2.2 

03/08/2010 01:00  0.6 

05/08/2010 01:00  34.4 

06/08/2010 01:00  1.4 

13/08/2010 01:00  20.8 

14/08/2010 01:00  16.8 

20/08/2010 01:00  0.4 

Data e Ora 

 

 

 

02/05/2010 01:00  4.0 

04/05/2010 01:00  13.6 

05/05/2010 01:00  35.6 

06/05/2010 01:00  1.8 

10/05/2010 01:00  0.6 

11/05/2010 01:00  18.4 

14/05/2010 01:00  0.4 

15/05/2010 01:00  20.4 

19/05/2010 01:00  12.2 

08/06/2010 01:00  1.2 

13/06/2010 01:00  0.4 

15/06/2010 01:00  21.0 

16/06/2010 01:00  3.2 

17/06/2010 01:00  6.2 

19/06/2010 01:00  19.2 

20/06/2010 01:00  35.8 

21/06/2010 01:00  10.0 

27/07/2010 01:00  0.8 

29/07/2010 01:00  19.6 

03/08/2010 01:00  0.6 

05/08/2010 01:00  27.8 

13/08/2010 01:00  17.8 

14/08/2010 01:00  16.0 

29/08/2010 01:00  1.2 

Data e Ora 

 

 

02/05/2010 01:00  6.0 

04/05/2010 01:00  29.2 

05/05/2010 01:00  15.4 

06/05/2010 01:00  2.8 

10/05/2010 01:00  0.6 

11/05/2010 01:00  18.8 

14/05/2010 01:00  1.0 

15/05/2010 01:00  20.8 

19/05/2010 01:00  8.0 

28/05/2010 01:00  1.6 

13/06/2010 01:00  0.6 

15/06/2010 01:00  17.6 

16/06/2010 01:00  1.6 

17/06/2010 01:00  9.4 

19/06/2010 01:00  20.0 

20/06/2010 01:00  40.8 

21/06/2010 01:00  16.2 

04/07/2010 01:00  4.6 

05/07/2010 01:00  13.0 

27/07/2010 01:00  2.0 

29/07/2010 01:00  19.8 

05/08/2010 01:00  44.0 

11/08/2010 01:00  4.6 

13/08/2010 01:00  18.4 

14/08/2010 01:00  16.2 

 

giorni di pioggia

31

totale mm

258

 

giorni di pioggia

24

totale mm

287,8

 

giorni di pioggia

25

totale mm

333

 

 

Un formato comodo su cui inserire i dati e sicuramente  “Excel” calcola i giorni di pioggia e i mm caduti.


 

I dati di primo livello concernente, la quantità di pioggia caduta in una determinata zona e il numero di giorni in cui si sono manifestati gli eventi meteo, sono i principali fattori da tenere in considerazione nel monitoraggio, ciononostante non sono gli unici dati da tenere in considerazione.

 

I dati meteo che ci occorrono per il monitoraggio sono di 3 livelli.

  1. Precipitazioni \ Giorni
  2. Vento \ Temperature
  3. Evapotraspirazione \ L’acqua nel suolo

 

 

I fattori meteo di secondo livello che possono influire sulla crescita dei tartufi sono: il vento e la temperatura.

Per non creare troppa confusione, e diventare dei “Bernacca”del meteo, i dati relativi ai fattori di secondo livello vanno tenuti in considerazione solamente, quando si discostano dalla media, es: un vento teso che si manifesta per parecchi giorni, una temperatura che si scosta dalla madia per un lungo periodo.

 

I fattori di terzo livello sono: Evoprtraspirazione e Acqua nel suolo.

L'evapotraspirazione (ET) è una variabile o grandezza fisica usata in agrometeorologia. Consiste nella quantità d'acqua (riferita all'unità di tempo) che dal terreno passa nell'aria allo stato di vapore per effetto congiunto della traspirazione, attraverso le piante, e dell'evaporazione, direttamente dal terreno.

 

I dati sull’acqua nel suolo sono interessanti per un aspetto legato alla tipologia del terreno;

La capillarità, quel fenomeno che permette all’acqua contenuta nel terreno, di risalire dagli strati inferiori a quelli superiori, interessando lo strato di terreno dove vive il micelio.

 

I CONTENUTI DELLA  PAGINA SONO IN CONTINUO AGGIORNAMENTO; TORNA A TROVARCI :)

Trifola Bianca addestra cani da tartufi allevamento lagotto romagnolo cucce coibentate cassa parto box piante vanghetti accessori per cani vendita tartufo addestramento escursioni corsi emilia romagna,verifica produzione tartufi tartufaia,toscana,piemonte,lombardia,veneto,trentino,liguria,marche,abruzzo,molise,umbira,lazio

Precipitazioni \ Clima Emilia Romagna

mappa regionale

Autore mappa precipitazioni \ clima: Arpa servizio idro meteo Emilia Romagna www.arpa.emr.it